Gayspace News • Treviso: Cinquantenne adesca diciassettenne su WhatsApp: «Ti offro 250 euro»
« Sparatoria al parcheggio del Gay Villagge: alba di paura
Unioni civili: Gay Center, esposto contro il sindaco di Cascina »
Cinquantenne adesca diciassettenne su WhatsApp: «Ti offro 250 euro»
Letta 244 volte sul sito
686 volte da visitatori


Treviso - 10 Agosto 2016: Prima con uno stratagemma avrebbe ottenuto il suo numero di telefono, poi lo avrebbe bombardato di richieste via Whatsapp e alla fine gli avrebbe anche offerto il denaro: 250 euro per un paio d'ore di sesso.

Una denuncia e una richiesta di perquisizione nell'abitazione di un 50enne di Castelfranco sono state depositate dalla madre di un 17enne che sarebbe stato avvicinato dall'uomo, un insospettabile castellano, pronto a pagare per poter trascorrere qualche ora con il minore. Stando alla denuncia l'uomo avrebbe anche chiesto alla sua vittima il segreto su quelle avances.
«Hai mai avuto rapporti gay? Puoi rispondere tranquillamente.
Queste conversazioni devono rimanere un segreto».

Parole che l'uomo inviava al 17enne allo scopo di ottenere la sua fiducia. In un'occasione il 50enne era anche arrivato a telefonare al ragazzo. «Mi ha detto che si era eccitato guardando le mie foto su Facebook». Frasi che hanno ovviamente preoccupato e spaventato il 17enne che ne ha immediatamente parlato con il fratello maggiore e quindi con i genitori. Per ottenere il numero di telefono del ragazzo l'uomo avrebbe suonato al campanello di casa.
«Lavoro per lo studio dell'avvocato che da giorni cerca suo figlio - avrebbe detto alla madre della vittima - mi dia il suo numero di telefono».

Un tranello che - emerge dalla denuncia - avrebbe fatto precipitare in uno stato d'angoscia la madre del ragazzo e che si sarebbe ben presto rivelato un semplice pretesto per poter molestare il ragazzo, che ha sempre rifiutato gli incontri e si è confidato con i familiari. «Mi ha chiesto di uscire con lui, mi ha detto che non mi avrebbe fatto mancare niente e mi avrebbe fatto stare bene» ha sostenuto il minore davanti ai carabinieri di Castelfranco. Accuse che verranno ora sottoposte al vaglio della magistratura: toccherà ai carabinieri effettuare le verifiche del caso e valutare anche il materiale allegato alla dettagliata querela. Si tratta di 15 foto dei messaggi sul cellulare e un DVD che conterrebbe alcune conversazioni.
Tag:

Adescamento

 

Minori

 
     

Adescamento

Minori

Adescamento gay

Minori gay